Gli psicofarmaci modificano pervasivamente il DNA del paziente. I farmaci genomici si ispirano a queste modificazioni.

Farmacogenomica

Lockwood LE (1), Youssef NA (29. Revisione sistematica degli effetti epigenetici degli agenti farmacologici per i disturbi bipolari. Scienze del Cervello, 2017, 18 novembre; 7 (11). pii: E154. doi: 10.3390 / brainsci7110154. Informazioni sulgli autori: (1) Dipartimento di Psichiatria e Neurobiologia Comportamentale, Università di Alabama a Birmingham, 1720 7th Avenue South, Birmingham, AL 35233, USA, e-Mail: llockwood@uabmc.edu; (2) Dipartimento di Psichiatria e Comportamento Sanitario, Collegio Medico della Georgia, presso l'Università di Augusta, 997 St. Sebastian Way, Augusta, GA 30912, USA, E-Mail: nyoussef@augusta.edu.

Riassunto:

Gli effetti epigenetici dei farmaci sono un campo in rapida evoluzione della medicina e possono cambiare il panorama dello sviluppo dei farmaci. Lo scopo di questo lavoro è quello di rivedere sistematicamente la letteratura sulle relazioni tra i più comuni farmaci usati per il trattamento dei disturbi bipolari e le modificazioni epigenetiche dei pazienti. Le ricerche MedLine / PubMed sono state eseguite in base a criteri di inclusione predefiniti dall'inizio alla fine di novembre 2017. Hanno soddisfatto i criteri di inclusione sei studi, sugli animali e sull'uomo . Questi studi hanno esaminato i cambiamenti epigenetici nelle principali classi di farmaci che vengono utilizzati nei disturbi bipolari, vale a dire stabilizzatori dell'umore e antipsicotici. Sebbene questi studi iniziali abbiano una dimensione del campione da piccola a moderata, generalmente suggeriscono un'evoluzione e evidenze accumulabil dei cambiamenti epigenetici associati a molti dei farmaci usati nei disturbi bipolari di I e II tipo. In questo manoscritto, descriviamo i cambiamenti epigenetici specificamente associati ai farmaci studiati. Degli sei studi esaminati, cinque studi hanno rivelato cambiamenti epigenetici associati all'uso di stabilizzatori dell'umore o farmaci antipsicotici. Questa recensione contribuisce a future direzioni di ricerca. Un'ulteriore comprensione della complessità dell'epigenoma e la districazione degli effetti e dei contributi degli stati patologici rispetto ai farmaci è fondamentale per il futuro della progettazione di farmaci e lo sviluppo di nuove terapie. Le terapie epigenetiche sono molto promettenti per il trattamento di malattie complesse e per gli interventi personalizzati, comprese le malattie psichiatriche.

---

Lockwood LE (1), Youssef NA (2)., Systematic Review of Epigenetic Effects of Pharmacological Agents for Bipolar Disorders. Brain Sci. 2017 Nov 18;7(11). pii: E154. doi: 10.3390/brainsci7110154. Author information: (1) Department of Psychiatry & Behavioral Neurobiology, University of Alabama at Birmingham, 1720 7th Avenue South, Birmingham, AL 35233, USA. llockwood@uabmc.edu; (2) Department of Psychiatry & Health Behavior, Medical College of Georgia at Augusta University, 997 St. Sebastian Way, Augusta, GA 30912, USA. nyoussef@augusta.edu.

Abstract

Epigenetic effects of medications are an evolving field of medicine, and can change the landscape of drug development. The aim of this paper is to systematically review the literature of the relationship between common medications used for treatment of bipolar disorders and epigenetic modifications. MedLine/PubMed searches were performed based on pre-specified inclusion criteria from inception to November 2017. Six animal and human studies met the inclusion criteria. These studies examined the epigenetic changes in the main classes of medications that are used in bipolar disorders, namely mood stabilizers and antipsychotics. Although these initial studies have small to moderate sample size, they generally suggest an evolving and accumulating evidence of epigenetic changes that are associated with several of the medications that are used in bipolar I and II disorders. In this manuscript, we describe the specific epigenetic changes that are associated with the medications studied. Of the studies reviewed, five of the six studies revealed epigenetic changes associated with the use of mood stabilizers or antipsychotic medications. This review contributes to future research directions. Further understanding of the complexities of the epigenome and the untangling of the effects and contributions of disease states versus medications is crucial for the future of drug design and the development of new therapeutics. Epigenetic therapeutics hold great promise for complex disease treatment and personalized interventions, including psychiatric diseases.