Nuovi dubbi sull'efficacia dei neuroplegici: nel disturbo depressivo maggiore nessuna differenza tra plabo, quietapina fumarato e scitalopram.

Efficacia della quietapina: gatti che ridono.

Wang G (1), McIntyre A (2), Earley WR (3), Raines SR (3), Eriksson H (49. Uno studio randomizzato in doppio cieco sull'efficacia e tollerabilità della monoterapia con quetiapina fumarato a rilascio prolungato (quetiapina XR) in pazienti con disturbo depressivo maggiore. Malattie Neuropsichiatriche e Trattamenti, 30 gennaio 2014; 10: 201-16. doi: 10.2147 / NDT.S50248. eCollection 2014. Informazioni sugli autori: (1) Ospedale Anding di Pechinol, Università Medica della Capitale, Pechino, Repubblica Popolare Cinese; (2) Dipartimento di Psichiatria, Ospedale Regionale di Penticton, Penticton, BC, Canada; (3) AstraZeneca Pharmaceuticals, Wilmington, DE, USA; (4) AstraZeneca R & D, Södertälje, Svezia.

Riassunto.

OBIETTIVI.
Valutare l'efficacia e la tollerabilità della monoterapia con quetiapina fumarato (quetiapina XR) a rilascio prolungato somministrata una volta al giorno nei pazienti con disturbo depressivo maggiore (MDD).

PAZIENTI E METODI.
Questo è stato uno studio randomizzato, in doppio cieco, con placebo e attivo controllato di 10 settimane (8 settimane di trattamento / 2 settimane dopo il trattamento) (D1448C00004). I pazienti hanno ricevuto quetiapina fumarato 150 mg/giorno, escitalopram 10 mg/giorno o placebo; i pazienti con una risposta inadeguata (<20% miglioramento nel punteggio totale della scala di valutazione della depressione di Montgomery-Åsberg [MADRS]) alla seconda settimana hanno ricevuto un trattamento a doppia dose. L'endpoint primario era il cambio del punteggio totale MADRS alla settimana otto dalla randomizzazione. Gli endpoint secondari includevano la risposta MADRS (miglioramento ≥50%) e la remissione (punteggio ≤8); la scala di valutazione Hamilton per totale di depressione e articolo 1; la scala di valutazione di Hamilton per l'ansia totale, psichica e somatica; le impressioni globali cliniche: la gravità totale della malattia; l'Indice Globale di Qualità del Sonno di Pittsburgh (PSQI); il questionario di soddisfazione e soddisfazione sulla qualità della vita - Percentuali massime della percentuale della forma breve. La tollerabilità è stata valutata per tutto.

RISULTATI.
E' stato randomizzato un totale di 471 pazienti. Nessun miglioramento significativo nel punteggio totale MADRS è stato osservato alla settimana otto (ultima osservazione riportata) con entrambi i trattamenti attivi (quetiapina fumarato, -17,21 [P = 0,174], escitalopram, -16,73 [P = 0,346]) rispetto al placebo (-15,61). Non ci sono state differenze significative negli endpoint secondari rispetto al placebo, ad eccezione della variazione di otto settimane nel punteggio globale dell'Indice Globale di Qualità del Sonno di Pittsburgh (quetiapina XR, -4,96 [P <0,01] rispetto a placebo, -3,37). L'analisi di misure ripetute a modelli misti di dati del caso osservato ha suggerito che l'analisi primaria potrebbe non essere robusta. Gli eventi avversi segnalati più comunemente includono secchezza delle fauci, sonnolenza e capogiri per quetiapina fumarato e mal di testa e nausea per escitalopram.

CONCLUSIONI.
In questo studio, né la quetiapina fumarato (150/300 mg/giorno) né l'escitalopram (10/20 mg/giorno) hanno mostrato una significativa differenza dal placebo. Entrambi i composti hanno dimostrato precedentemente di essere efficaci nel trattamento della Disturbo Depressivo Maggiore; vengono discusse possibili ragioni per questo studio fallito. Quetiapina fumarato è stata generalmente ben tollerata, con un profilo simile a quello riportato in precedenza.

PAROLE CHIAVE.
Fase III; agenti antidepressivi (azione farmacologica); agenti antipsicotici; test clinico; preparazioni a rilascio prolungato; efficacia del trattamento.

---

Wang G (1), McIntyre A (2), Earley WR (3), Raines SR (3), Eriksson H (4). A randomized, double-blind study of the efficacy and tolerability of extended-release quetiapine fumarate (quetiapine XR) monotherapy in patients with major depressive disorder. Neuropsychiatr Dis Treat. 2014 Jan 30;10:201-16. doi: 10.2147/NDT.S50248. eCollection 2014. Author information: (1) Beijing Anding Hospital, Capital Medical University, Beijing, People's Republic of China; (2) Department of Psychiatry, Penticton Regional Hospital, Penticton, BC, Canada; (3) AstraZeneca Pharmaceuticals, Wilmington, DE, USA; (4) AstraZeneca R&D, Södertälje, Sweden.

Abstract

OBJECTIVES:
To evaluate the efficacy and tolerability of once-daily extended release quetiapine fumarate (quetiapine XR) monotherapy in patients with major depressive disorder (MDD).

PATIENTS AND METHODS:
This was a 10-week (8-week active treatment/2-week post-treatment) randomized, double-blind, placebo- and active-controlled study (D1448C00004). Patients received quetiapine XR 150 mg/day, escitalopram 10 mg/day, or placebo; patients with an inadequate response (<20% improvement in Montgomery-Åsberg Depression Rating Scale [MADRS] total score) at week two received double-dose treatment. The primary end point was week eight change from randomization in MADRS total score. Secondary end points included MADRS response (≥50% improvement) and remission (score ≤8); Hamilton Rating Scale for Depression total and item 1; Hamilton Rating Scale for Anxiety total, psychic, and somatic; Clinical Global Impressions - Severity of Illness total; Pittsburgh Sleep Quality Index (PSQI) global; and Quality of Life Enjoyment and Satisfaction Questionnaire - Short Form percentage maximum total scores. Tolerability was assessed throughout.

RESULTS:
A total of 471 patients was randomized. No significant improvements in MADRS total score were observed at week eight (last observation carried forward) with either active treatment (quetiapine XR, -17.21 [P=0.174]; escitalopram, -16.73 [P=0.346]) versus placebo (-15.61). There were no significant differences in secondary end points versus placebo, with the exception of week-eight change in PSQI global score (quetiapine XR, -4.96 [P<0.01] versus placebo, -3.37). Mixed-model repeated-measures analysis of observed-case data suggested that the primary analysis may not be robust. Most commonly reported adverse events included dry mouth, somnolence, and dizziness for quetiapine XR, and headache and nausea for escitalopram.

CONCLUSION:
In this study, neither quetiapine XR (150/300 mg/day) nor escitalopram (10/20 mg/day) showed significant separation from placebo. Both compounds have been shown previously to be effective in the treatment of MDD; possible reasons for this failed study are discussed. Quetiapine XR was generally well tolerated, with a profile similar to that reported previously.

KEYWORDS:
Phase III; antidepressive agents (pharmacological action); antipsychotic agents; clinical trial; sustained-release preparations; treatment efficacy